?>
Menu
viterbo_fontleoniviterbo.jpg

Acque Termali - Lago di Bolsena



A poca distanza dal lago si trovano diverse aree con sorgenti di acqua termale in cui si rivive l’affascinante e misteriosa storia degli Etruschi, veri scopritori delle qualità benefiche di queste fonti, e in cui è possibile rilassarsi tutto l'anno.

A Viterbo (circa 25 km dal lago) nei pressi dell’Orto Botanico, si trova il Parco del Bullicame, le cui vasche di acqua caldissima, fruibili per altro anche durante il rigido periodo invernale, rendono questo luogo, oltre che salutare, suggestivo e unico nel suo genere. L’acqua della sorgente infatti è solfureo-solfato-bicarbonato alcalinoferrosa fluorata e fuoriesce ad una temperatura di 58° C ed è da sempre la più famosa, del comprensorio di Viterbo, per le sue qualità terapeutiche.

La stessa sorgente alimenta le strutture delle Terme dei Papi, uno dei più rinomati e all’avanguardia stabilimenti termali d’Italia, con trattamenti e servizi altamente qualificati. 

Nei pressi di Viterbo vi sono molte altre aree termali, tra cui la sorgente termale delle Piscine Carletti, zona ipertermale gratuita costituita da due sorgenti con caratteristiche simili a quelle del Bulicame, e le sorgenti termali del Bagnaccio, con sorgenti sia ipertermali (65-66°C) che ipotermali (23-29°C). 

La naturalità delle sorgenti termali è ancora oggi a disposizione per chi voglia assorbirne le proprietà benefiche e ritrovare il proprio equilibrio psico-fisico. Il suo notevole pregio infatti risiede proprio nelle caratteristiche chimico-fisiche che la rendono adatta a molte utilizzazioni in terapie termali, da sempre tra le più apprezzate in Idrologia medica, e nella cura e prevenzione delle affezioni croniche di tutto l’apparato respiratorio e osteoarticolare. Le malattie della cute, dell’apparato genitale e le malattie dismetaboliche ad esempio, trovano un notevole beneficio grazie ai trattamenti effettuati con quest’acqua.